//Giangiacomo Spadari
Giangiacomo Spadari 2018-05-30T17:02:56+00:00

Project Description

Giangiacomo Spadari. Il 1968: tra cronaca e storia

“Non conosco un altro artista pittore che come il mio amico Giangiacomo Spadari sia entrato cosìprofondamente nella storia del secolo che ci ha lasciati raccontandola per immagini, usando il coloreper imprimercele nella memoria, perché mai più ce le dimenticassimo. […] La sua gamma è varia,spazia da Lenin a Garibaldi, da Che Guevara a Togliatti, quando affronta i temi del realismo,come “l’occupazione delle terre”, lo fa in modo critico col distacco di chi sa di rappresentare nontanto l’eroismo di un fenomeno ma la storia con un suo inevitabile giudizio. […] Mescolando leimmagini solarizzate, tratte dalla fotografia, con quelle propriamente dipinte, Spadari si ponevaun po’ più in alto del fenomeno e lo inchiodava alla storia.”

(Raffaele De Grada)

A cinquant’anni dalla data simbolo del sessantotto, tempo di impegno politico e sociale e digrandi illusioni di cambiamento del mondo, la Fondazione Mudima ripropone una mostrasul tema realizzata da Giangiacomo Spadari nel 1978. Giangiacomo Spadari è stato un artista che come pochi ha riflettuto sul racconto sociopolitico, sul linguaggio dei mass-media e sul ruolo sociale dell’arte e il cui impegno politico e sociale fuserio e duraturo tanto da costruire nel tempo e con il tempo una dimensione etica dell’esistere. Le opere in mostra sono state realizzate negli anni che vanno dal 1966 al 1971.In occasione della mostra verrà presentata una pubblicazione dal titolo‘68, per le edizioni Alfabeta2, una panoramica dei grandi movimenti di massa nati in Italia e in tutto il mondo checontribuirono a cambiare irreversibilmente, sul piano sociale, politico e culturale, la storia contemporanea. All’interno di questa pubblicazione verrà riprodotto integralmente il catalogo che nel 1978 Giangiacomo Spadari aveva realizzato per la sua mostra dedicata al sessantotto.

Scheda della mostra

Artista:
Giangiacomo Spadari
Titolo della mostra:
Il 1968: tra cronaca e storia

A cura di Fondazione Mudima.

Sede Fondazione Mudima | Via Tadino 26, Milano

Date: 31 maggio 29 giugno 2018
Inaugurazione: giovedì 31 maggio 2018, ore 18:30
Orario: lunedì – venerdì 11.00 – 13.00/15.00 – 19.00
Ingresso libero

Info al pubblico
Fondazione Mudima
T. +39 02 29 40 96 33
info@mudima.net
www.mudima.net

Biografia

Nato nella Repubblica di San Marino nel 1938, durante gli anni dell’infanzia Giangiacomo Spadari si trasferiscea Roma, da dove nel 1961 parte per Milano; nella città lombarda sviluppa la sua carriera artistica, trascorrendodal 1972 anche lunghi soggiorni a Parigi.Lunga e articolata la serie delle esposizioni personali, inaugurata nel 1961 alla Galleria Spotorno di Milano,nelle quali l’opera dell’artista è presentata al pubblico; tra le mostre più importanti si ricordano le rassegnealla Galleria Gian Ferrari di Milano nel 1965, La contestazione autorizzataalla Libreria Einaudi di Milano nel1966, alla Bergamini di Milano nel 1968, Due o tre cose che so di politicaalla Galleria Schwarz di Milano nel1970, La Rosa e il Leone sempre alla Galleria Schwarz di Milano nel 1972, Rosa Luxemburg, una vita per il socialismoalla Galerie Poll di Berlino nel 1973, al Palais des Beaux-Arts di Bruxelles sempre nel 1973, al Muséed’Art Moderne de la Ville de Paris – Arc 2 di Parigi nel 1974, Garibaldi e il compromesso storicoalla GalleriaBorgogna di Milano nel 1975, Immagini da filmalla Galleria Rizzardi di Milano nel 1976, Tra cronaca e storia:il 1968 a Palazzo dei Diamanti di Ferrara nel 1979, Il tempo della naturaalla Galleria Bergamini di Milanonel 1982, La pitié de l’amour alla Galerie Bercovy-Fugier di Parigi nel 1988, I paesaggi della Biennale di Veneziaal Museo d’Arte Moderna della Repubblica di San Marino nel 1989, Giangiacomo Spadari a Palazzo Ducaledi Pavullo nel Frignano (Modena) nel 1990, I sette peccati capitalialla Galleria L’Eroica di Milano nel 1992,Amarcord alla Galerie du Centre di Parigi nel 1993, Autobiografiaallo Studio Spaggiari di Milano nel 1996. L’artista muore a Milano nel 1997.Nel 2007 alla Galleria Annunciata di Milano si tiene la mostra Spadari un pittore europeoa cura di W.Guadagnini. Nel 2010 la Fondazione Martínez Guerricabeitia ospita un’antologica Spadari cronista visual all’Università di Valencia in Spagna. Nel 2016 il museo di Villa Tamaris a La Seyne-sur-Mer gli dedica l’anto-logica Spadari, un franctireur de l’image.